Alunni con background migratorio in Italia. Le opportunità oltre gli ostacoli

Alunni con background migratorio in Italia. Le opportunità oltre gli ostacoli

Pubblicato il nuovo rapporto nazionale “Alunni con background migratorio in Italia”, a cura di Mariagrazia Santagati ed Erica Colussi. Il volume è realizzato da Fondazione ISMU nell’ambito del Progetto FAMI 1597 “Azioni e strumenti di governo per la qualificazione del sistema scolastico in contesti multiculturali”, in collaborazione con IIS Cine TV R. Rossellini e finanziato dal Fondo Asilo Migrazione e Immigrazione (FAMI).

Il rapporto si sofferma in particolare sull’analisi del difficoltoso percorso di istruzione obbligatoria dei minori stranieri e dei minori stranieri non accompagnati. Attraverso 40 interviste emergono storie di ragazzi che grazie alla loro determinazione e al supporto di educatori, operatori e altre figure di riferimento sono riusciti a continuare gli studi.

All’indomani dell’avvio dell’anno scolastico e del complicato rientro a causa dell’emergenza sanitaria, ISMU vuole riportare l’attenzione sul tema del diritto all’istruzione e dell’accesso alla scuola, in particolare per gli alunni più vulnerabili.

Dal report emerge che la regione che ospita il maggior numero di MSNA è la Sicilia (1.149, pari al 20,7% di tutti i MSNA presenti), seguita dalla Lombardia (660) e Friuli Venezia Giulia (622).

Il rapporto presenta anche due approfondimenti: il primo analizza i processi di scelta scolastica che portano ancora oggi gli alunni stranieri a iscriversi meno ai licei rispetto ai loro coetanei italiani; il secondo presenta una ricerca comparativa di tipo quantitativo che ha coinvolto alcune scuole secondarie in Italia e in Francia con l’obiettivo di indagare le interazioni fra giovani nativi e di origine immigrata e l’influenza di tali interazioni sugli atteggiamenti di ostilità verso persone immigrate.

Per scaricare il report: https://www.ismu.org/alunni-con-background-migratorio-in-italia-emergenze-e-traguardi/

close

Iscriviti alla newsletter

Condividi sui social